mercoledì , 19 dicembre 2018
Home / Comunicati / Scuola, Colombo (Forum Famiglie): “Comunicazioni a famiglie passo avanti nel percorso condiviso di alleanza educativa”

Scuola, Colombo (Forum Famiglie): “Comunicazioni a famiglie passo avanti nel percorso condiviso di alleanza educativa”

Scuola, Colombo (Forum Famiglie): “Comunicazioni a famiglie passo avanti nel percorso condiviso di alleanza educativa”

Siamo contenti e condividiamo quanto indicato dalla circolare del MIUR a firma della dottoressa Boda, che conferma il contenuto del Patto di Corresponsabilità educativa rivisto alcuni mesi fa dalla Commissione nominata dall’ex-ministro Fedeli, che ha lavorato per raggiungere questa sintesi con l’apporto di tutte le associazioni dei genitori: Age, Agesc, Cgd, Care, Moige, Agedo, insieme al Forum delle Associazioni Familiari”: così la vicepresidente nazionale del Forum delle Associazioni Familiari con delega all’Istruzione, Maria Grazia Colombo, sul testo della lettera trasmessa dal MIUR alle scuole, in cui viene esplicitata la necessità di comunicare tempestivamente alle famiglie tutte le attività didattiche del Piano triennale di offerta formativa.

È certamente un passo in avanti nelle tappe del percorso di alleanza educativa in atto tra genitori, docenti e dirigenti scolastici. Siamo altresì convinti che c’è ancora tanta strada da fare per rendere sempre più la scuola non un luogo di conflitto, ma un’opportunità di collaborazione e crescita reciproca. In tal senso, non occorrono istruzioni per l’uso, ma piuttosto l’elaborazione congiunta di percorsi per e in quanto adulti educatori. La scuola è troppo preziosa per tutti noi per farne pretesto di divisione tra fazioni, perché al centro c’è il bene più importante: le generazioni future. Ecco perché rinnoviamo la richiesta al Ministro Bussetti di continuare insieme il lavoro congiunto in Commissione, con la finalità di costruire posizioni di sintesi rispettose di tutte le opinioni, all’interno di un pluralismo culturale che punti davvero al bene comune dei nostri studenti”, conclude Colombo.